fbpx

La Sindrome della Bandelletta Ileotibiale è un’infiammazione a carico del ginocchio che causa un dolore nella zona laterale. Stiamo parlando di una patologia che nasce da un sovraccarico funzionale dovuto a un movimento continuativo per lavoro, sport o abitudine oppure alla postura scorretta che sollecita il ginocchio.

Questo tipo di disturbo, solitamente, non preclude ne riduce l’attività sportiva o le normali abitudini quotidiane a parte per una fase iniziale in cui si richiede una sospensione dei movimenti. In questo periodo è necessario il riposo e una programmazione di esercizi da eseguire prima con il Fisioterapista e poi da solo, che puntano a una rieducazione posturale come trattamento essenziale della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale.

La patologia a carico del ginocchio non deve mai essere sottovalutata in quanto si tratta di una problematica un po’ subdola per due motivi principali: ha la tendenza a cronicizzarsi rapidamente e, visti i sintomi simili, si può confondere con altre problematiche a carico del ginocchio. Un errore della diagnosi iniziale può portare a stabilire una cura sbagliata peggiorando la situazione e rischiando di cronicizzare la patologia. Cerchiamo di conoscere meglio questa condizione patologica in modo da comprenderne le cause, la cura e la prevenzione.

 

Cos’è la Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Si parla di Sindrome della Bandelletta Ileotibiale quando ci si trova di fronte a un’infiammazione della parte terminale di un muscolo, definita anche tendinite. Nel caso specifico, i muscoli interessati sono due, ovvero il Grande Gluteo e il Tensore della Fascia Lata che vengono tenuti uniti dai tendini. Per comprendere meglio si può immaginare con un grande cavo che unisce il ginocchio all’anca.

Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Partendo da questa prima spiegazione anatomica, si può già comprendere un punto interessante, ovvero come il collegamento con l’anca possa portare con maggiore probabilità all’insorgenza della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale. Questo accade soprattutto se ci sono problematiche legate al bacino per ovvie ragioni quindi un’estensione della tensione e successiva infiammazione. Ad esempio, se banalmente si sente dolore alla schiena o al bacino si tende ad assumere una posizione che limita il disagio. Tale comportamento provoca una postura sbilanciata che porta a una sollecitazione maggiore a carico delle Bandellette Ileotibiali e, quindi, una postura scorretta con uno sbilanciamento del corpo che porta inevitabilmente a creare uno scompenso e l’inevitabile infiammazione.

 

Chi è maggiormente a rischio di Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

I soggetti che più rischiano di soffrire del dolore provocato dalla patologia che colpisce entrambe le Bandellette Ileotibiali, sono coloro che fanno sport. Gli atleti, non per forza professionisti, sottopongono il corpo a sforzi continui, movimenti ripetitivi e posizioni mantenute a lungo con conseguenti sollecitazioni dei flessori e dei glutei. In particolare, gli sciatori di fondo e i ciclisti, vanno a caricare il peso sulle ginocchia effettuando sforzi intensi per parecchio tempo di seguito e movimenti ripetitivi.

I corridori, specialmente, sono a forte rischio di sviluppare la Sindrome della Bandelletta Ileotibiale di origine Posturale. Questo perché è compito proprio del Tensore della Fascia Lata Ileotibiale di stabilizzare gli arti inferiori mentre si appoggia un solo piede. Non è un caso se tale patologia è conosciuta anche con il nome di Ginocchio del Corridore.

 

Sintomi della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

La sintomatologia più evidente e per la quale le persone si rivolgono allo specialista, è il dolore acuto localizzato sul lato del ginocchio. Si tratta di una forte algia che rende difficili, e talvolta impossibili, i movimenti e quindi l’attività sportiva ma anche quelle quotidiane. Ogni passo provoca dolore e sofferenza tanto da diventare una patologia debilitante per il paziente.

Video Corsi Online

Impara nuove competenze, rimani un passo avanti agli altri.

Svolgi i Video Corsi Online comodamente a casa tua, quando vuoi e tutte le volte che vuoi!

Ci sono altri sintomi caratteristici dell’infiammazione che, però, sono comuni a tutte le tendiniti come la rigidità dell’articolazione e il gonfiore della zona interessata. Tali disturbi vengono evidenziati dal movimento, che sia di tipo agonistico o di normale vita quotidiana, con una accentuazione del dolore nel momento in cui si va a caricare il peso sul ginocchio infiammato.

Un segnale importante da non sottovalutare è la presenza di dolore ma anche di bruciore all’articolazione nel momento in cui si flette il ginocchio, quindi durante la corsa o il semplice gesto di accucciarsi per allacciare la scarpa, ad esempio. La causa è individuabile al movimento che avviene nella muscolatura dell’anca a cui sono collegate le due Bandellette Ileotibiali. Durante la flessione dell’anca le fasce muscolari interessate vengono sollecitate scaricano la forzatura sui tendini provocando tensione che, ripetuta a lungo, provoca il problema.

 

Quali sono le cause della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Essenzialmente, l’infiammazione delle Bandellette Ileotibiali, è causata da uno sforzo continuo ed eccessivo dei tendini che vengono portati oltre ai loro limiti di sopportazione. Non c’è un parametro che possa essere valido per ogni singolo caso di infiammazione, ogni soggetto ha un percorso differente che si basa sulla sua condizione iniziale e sul livello abituale di sforzo fisico.

Se una persona esegue ogni giorno un’ora di corsa senza aver prima fatto attività sportiva e di riscaldamento, ad esempio, è a forte rischio di sviluppare la sindrome infiammatoria. Ma non si tratta di un problema riservato agli “sportivi della domenica“, anche gli atleti professionisti o le persone che svolgono abitualmente attività sportiva possono soffrirne in quanto hanno la tendenza a caricare molto con poco margine di recupero.

Nel dettaglio le condizioni comuni che portano a una predisposizione della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale sono le seguenti.

Debolezza dei muscoli. La struttura muscolare forte e i tendini in buone condizioni sottoposti a stress, ad esempio, dopo una corsa molto intensa e di lunga durata non causa infiammazione immediata, potrebbe però insorgere il problema successivamente. Se, invece, la struttura delle fasce muscolari sono deboli, anche un piccolo allenamento può essere causa di uno stato infiammatorio della Bandelletta Ileotibiale. È importante, quindi, provvedere a rinforzare gradualmente la muscolatura in modo che possa svolgere la sua normale attività di supporto nello sport e nelle attività motorie quotidiane prevenendo patologie e infiammazioni di vario genere.

 

Sindrome della Bandelletta Ileotibiale, la relazione con la postura

Mantenere una postura scorretta per un tempo prolungato, causa disallineamento corporale che porta a uno scorretto funzionamento e posizionamento di muscoli e scheletro. Per quanto riguarda la Sindrome della Bandelletta Ileotibiale, la postura sbagliata, può esserne la causa. Il motivo è semplice da capire, una postura che porta a mantenere il bacino oppure la schiena in una posizione sbilanciata provoca una sollecitazione maggiore su un lato del corpo.

Ad esempio, se si resta a lungo appoggiati a un solo piede o non si è a conoscenza di un appoggio asimmetrico dei piedi, a lungo andare si va a caricare un peso più grande su un lato del bacino e quindi su un ginocchio provocando l’infiammazione. Sono particolari posturali che possono essere irrilevanti se non mantenuti per lungo tempo ma si rivelano estremamente dannosi in caso di prolungamento della condizione di postura scorretta volontaria o involontaria.

Master in Posturologia

Un corso Completo sulla Valutazione e il Trattamento della Postura.

Imparerai tutti i Test per Svolgere una Completa Analisi della Postura. Svolgeremo, inoltre, tutte le tecniche di Rieducazione Funzionale della Posturale e attraverso la Terapia Manuale.

In queste situazioni è comprensibile che quando si effettua movimento continuativo, per sport ma anche per attività casalinghe o di lavoro, un arto sarà portato a lavorare molto più di un altro con la possibilità di sviluppare un’infiammazione importante dovuta al carico anomalo. Le problematiche posturali vengono quasi sempre trascurate e restano sconosciute alla maggior parte delle persone fino a quando non si presenta il dolore.

È consigliabile fare un controllo della postura, sia per gli atleti che per le persone comuni, in questo modo si evitano tante sofferenze future. In ogni caso, è possibile risolvere il problema con una Rieducazione Posturale che porta a un nuovo bilanciamento del corpo. La corretta distribuzione del peso risulta così più equilibrata eliminando l’infiammazione da Sindrome della Bandelletta Ileotibiale di origine Posturale.

Oltre alla postura, bisogna ribadire, che le condizioni ottimali dei muscoli della schiena, sono essenziali per consentire un supporto corporeo ottimale. Da non dimenticare lo sviluppo della muscolatura del ginocchio che ha il compito di proteggere e sostenere l’articolazione durante lo sforzo fisico. Quindi allenamento consapevole, ovvero guidato da personale trainer o fisioterapista che possono indicare gli esercizi giusti da fare verificando che i movimenti siano svolti in modo corretto.

Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Sforzi Eccessivi

Tra le cause della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale ci sono anche gli sforzi eccessivi, cioè quelli che avvengono nel momento in cui la muscolatura viene sottoposta a un super lavoro con una conseguente stanchezza muscolare. Tale condizione provoca l’infiammazione del tratto finale delle Bandellette Ileotibiali. Quando un tendine o un muscolo, si trova a sopportare uno sforzo maggiore di quelli che è abituato e preparato a sostenere, si hanno conseguenze inevitabili come quelle descritte di seguito:

  • dolore, che rappresenta il sintomo principale,
  • demoralizzazione, per l’impedimento o la difficoltà di svolgimento dell’attività sportiva o quotidiana.

 

Come distinguere i dolori da Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Parliamo di dolore in generale ma è importante sapere che esistono almeno due situazioni che possono portare a confondere le idee riguardo alla causa della sofferenza. Tra gli stati di sofferenza che possono ingannare il medico e il paziente c’è il dolore che si presenta localizzato nella parte esterna a lato del ginocchio. Oltre che nel caso della Sindrome della Bandelletta Ileotibiale, sentire male in parte al ginocchio, può essere sintomo di un altro tipo di problema che va a coinvolgere le stesse fasce muscolari.

Tra le malattie che presentano uguale sintomatologia ci sono: Meniscopatia e Sciatica. Per comprendere quale sia la vera causa della problematica si procede con diversi test ed esami diagnostici per immagini ma anche seguendo il metodo dell’esclusione. Una caratteristica tipica della sciatica si evidenzia con un forte dolore che si diffonde in tutta la zona interessata ma non alla parte esterna del ginocchio.

Le cause che portano allo sviluppo della sciatica sono legate alla schiena oltre che a un uso ripetitivo dell’articolazione. La maggioranza assoluta dei casi di pazienti con sciatalgia, presentano uno sviluppo dell’infiammazione dovuta a ernie discali situate nella zona lombare. Ci sono poi casi in cui vengono incluse le problematiche a carico della zona sacrale oppure quelle date dalla gravidanza e, quindi, uno sbilanciamento posturale per evidenti ragioni.

Un’altra possibile ipotesi da prendere in considerazione prima di stabilire che si tratta di Sindrome della Bandelletta Ileotibiale di origine Posturale, è la presenza di menisco estero che può ingannare in quanto il dolore è forte e laterale. Una radiografia chiarirà immediatamente la situazione oltre al fatto che, solitamente, tale condizione è dovuta a un trauma come può essere un infortunio sul lavoro, un incidente stradale o un evento traumatico durante lo sport.

Se, invece, il dolore lamentato dal paziente è comparso in modo graduale durante una corsa o altro tipo di movimento sia sportivo che quotidiano, è estremamente probabile che si tratti di un’infiammazione da Sindrome della Bandelletta Ileotibiale. È molto importante fornire al Posturologo, un’attenta descrizione del sintomo e di come è comparso.

 

Come si cura la Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Una volta diagnosticata la sindrome e individuate le cause e la sintomatologia descritta dal paziente, si può provvedere a stabilire un trattamento per la cura della patologia. Le cure per questo tipo di problema sono diverse sia di tipo strumentale che manuale ma principalmente si agisce sulla Rieducazione Posturale come trattamento fondamentale per il riequilibrio della condizione ottimale impedendo il ripresentarsi del problema.

Sindrome della Bandelletta Ileotibiale

Per alleviare l’infiammazione e la tensione muscolare, il terapista, può scegliere di utilizzare terapie particolari in contemporanea alla Ginnastica Posturale, Manovre Manuali e Fisioterapia. Tra gli strumenti che possono essere utilizzare ci sono: il Laser, la Tecar e gli Ultrasuoni.

La Sindrome della Bandelletta Ileotibiale è un problema che affligge molte persone, in particolare chi ama correre per sport o diletto. Anche se è un problema che si può risolvere con relativa facilità, bisogna tener conto che si potrebbe cronicizzare in breve tempo se non trattato adeguatamente. È fondamenta, quindi, iniziare al più presto una riabilitazione in quanto la sua relazione con la Postura è evidente e garantita, una Rieducazione Posturale rappresenta il passaggio essenziale verso la guarigione.