fbpx

L’analisi della postura ci permette di considerare il soggetto nella sua globalità e individuare e misurare le curve del corpo sui 3 piani dello spazio.La postura eretta è la risultante tra le tensioni corporee nella gestione del peso e il modo di stare al mondo.

La prima stima dell’analisi della postura va fatta a carattere descrittivo, relativamente alle tensioni che il soggetto mette in atto per gestire la spinta gravitaria.

Attraverso la compilazione di un’apposita scheda, si considererà sia la simmetria e l’asimmetria dei distretti anatomici che l’armonia tra le parti.

La valutazione, durante l’analisi della postura, delle linee di tensione ci permetterà di individuare i vizi posturali e se tali vizi sono delle deviazioni vere o scompaiono cambiando posizione.

Si chiederà al soggetto di porsi in posizione eretta assumendo una postura “comoda” e si eseguirà l’analisi della postura in merito ai tre piani di riferimento.

620px-Human_anatomy_planes.svg
Fonte: BlenRig 4.01 – NickZ file, Credit Juan Pablo Bouza under the terms of cc-by-3.0

Analisi della postura sul Piano Frontale

E’ definito dall’intersezione dell’asse longitudinale con l’asse trasversale. Permette di suddividere il corpo umano in due parti asimmetriche, quella anteriore e quella posteriore. Le curve che possono essere misurate sul piano frontale sono tutte le curve che si estendono portandosi verso la parte destra o sinistra del corpo, come, per esempio, le curve degli atteggiamenti scoliotici sul piano frontale o le inclinazioni del bacino dovute a dismetrie degli arti inferiori. I movimenti che comprendono proiezioni sul piano frontale sono quelli di flessione ed estensione.

Anatomical_position

Fonte: Connexions, Anatomical position (credit: modification of work by Donna Browne), 2013.

Il Posturologo valuterà:

  • Comportamento della testa in inclinazione laterale
  • Comportamento delle spalle in elevazione bilaterale o monolaterale
  • Comportamento del torace
  • Altezza delle scapole
  • Comportamento e presenza di atteggiamenti scoliotici
  • Atteggiamento del bacino in elevazione monolaterale
  • Altezza delle spine iliache superiori
  • Livello delle pieghe sotto-glutee;
  • Alterazione della lunghezza degli arti inferiori
  • Posizione del ginocchio (varo, valgo)

Piano Frontale

Fonte: Anatomical Coronal plane and its axis with names in Spanish, Edoardo, 2011.

 

Analisi della postura sul Piano Sagittale

Definito dall’intersezione dell’asse sagittale con l’asse longitudinale. Consente di dividere il corpo umano in due parti approssimativamente simmetriche, quella destra e quella sinistra. Attraverso esso è possibile individuare le curve che si estendono in senso antero-posteriore come, ad esempio, le curve cifotiche e lordotiche della colonna vertebrale, nonché l’anteroversione o la retroversione del bacino. I movimenti che comprendono proiezioni sul piano sagittale sono quelli di adduzione e abduzione.

Directional_Terms

Fonte: Connexions, Paired directional terms are shown as applied to the human body, 2013.

Il Posturologo valuterà:

  • Comportamento della testa protesa in avanti o in dietro
  • Comportamento della lordosi cervicale
  • Comportamento della cifosi dorsale (toracica)
  • Comportamento della lordosi lombare
  • Comportamento del torace
  • Comportamento del bacino in anteroversione e retroversione
  • Comportamento degli arti inferiori in iperestensione o iperflessione del ginocchio
  • Eventuale prominenza dell’addome
  • Anteposizione o retroposizione del tronco
  • Spalle antepulse o retropulse
  • Scapole anteroriorizzate o recurvate

Piano sagittale

Fonte: Anatomical Coronal plane and its axis with names in Spanish, Edoardo, 2011.

Analisi della postura sul Piano Orizzontale

É l’intersezione dell’asse trasversale con l’asse sagittale. Permette di suddividere il corpo in due parti asimmetriche, quella superiore e quella inferiore. Le curve che è possibile misurare sul piano trasversale sono tutte le rotazione che si manifestano sull’asse longitudinale; ne sono esempio le rotazioni del bacino con spostamento in avanti della cresta iliaca destra o sinistra. È possibile inoltre misurare, attraverso questo piano, le rotazioni anteriori o posteriori del torace a causa della presenza di gibbi per rotazione della colonna vertebrale. I movimenti che comprendono proiezioni sul piano trasversale sono quelli di rotazione e prono-supinazione.

Piano trasverso

Fonte: Anatomical Coronal plane and its axis with names in Spanish, Edoardo, 2011.

 Il Posturologo valuterà:

  • Rotazione del capo
  • Rotazione del cingolo scapolare
  • Prono-supinazione degli arti superiori
  • Rotazione del torace
  • Rotazione del bacino
  • Rotazione degli arti inferiori
  • Prono supinazione dei piedi

nuova edizione 2019-2020

Scuola in posturologia

Tua, Completa e di Qualità

ISCRIZIONI APERTE

DA SETTEMBRE 2019

Corsi di Formazione in Programma

Clicca su ciascun Corso per vedere Date, Città e posti disponibili.

RESTIAMO IN CONTATTO

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere Info sui contenuti, Novità sugli eventi e Sconti sui Corsi di Formazione!

Trattamento dei dati Personali

Perfetto! Sei Iscritto alla Newsletter, da questo ti terremo aggiornato su tutte le novità!