fbpx

Postura di Ananta

Anantasana

Infinito, Eterno

Il colore dell’elemento Spazio è come il colore dell’Acqua dell’Oceano. Inala il Prana e trattienilo per cinque secondi con la mente libera da tensioni.

Gheranda Samhita, vv 75.

Partenza della Postura di Ananta

Decubito laterale.

Distesi su un fianco con le gambe ben tese, una mano sarà posta dietro la nuca a sostenere il capo, mentre l’altra si distenderà per raggiungere il piede della gamba posta superiormente.

Le curve della colonna vertebrale saranno neutre, ponendosi nella giusta lordosi lombare e nella giusta lordosi cervicale.

Tutti i distretti anatomici posti sul pavimento aderiranno ad esso, provando a trovare una posizione di comodità e rilassamento.

anantasana_1

Fonte immagine: Kaminoff, Yoga Anatomy, Calzetti Mariucci, 2010

Esecuzione della Postura di Ananta

La mano posta superiormente aggancerà il piede della gamba omolaterale portando tutto l’arto inferiore, teso, il più vicino possibile al alla testa.

Si espirerà fortemente per svuotare la gabbia toracica, in modo da aumentare la flessibilità muscolare e raggiunta la posizione si sosterà per 4/5 respiri profondi.

page118_1

Fonte: Witold Fitz-Simon 2010

Biomeccanica della Postura di Ananta

Arti inferiori:

La gamba sollevata si estenderà provocherà la flessione dell’anca, con abduzione e rotazione esterna a ginocchio teso e dorsiflessione del piede.

Verrà posta in trazione tutta la catena cinetica muscolare posteriore, comprendente il grande gluteo, i muscoli ischiocrurali (bicipite femorale, semitendinoso e semimebranoso), il piriforme, l’otturatorio interno, il grande adduttore e il muscolo gastrocnemio (gemelli e soleo).

Muscoli posteriori arto inferiore

La gamba distesa al pavimento manterrà tale posizione attraverso la contrazione del gluteo, provocando la trazione dei muscoli flessori dell’anca (a causa della retroversione del bacino provocata dalla rotazione esterna della gamba controlaterale sollevata) quali retto del femore, adduttore lungo e muscolo gracile.

Flessori dell'anca

Diaframma:

Il Diaframma verrà attivato in modo asimmetrico.

A causa della forza di gravità, gli organi addominali vengono attratti verso il basso, stravolgendo la biomeccanica diaframmatica.

Durante le inspirazioni, la cupola diaframmatica più vicina al pavimento si muoverà verso la testa, mentre quella posta superiormente si muoverà verso le gambe.

 Cupole diaframma

Fonte: Uwe Gille 16:40, 5 March 2006 (UTC)

Indicazioni della Postura di Ananta

In questa Asana, attraverso gli atti respiratori, si avranno benefici sia a carico della muscolatura descritta degli arti inferiori, che si distenderanno e miglioreranno la loro performance in flessibilità e attivazione, sia a carico dell’articolazione coxo-femorale che aumenterà la propria escursione articolare dovuta al nuovo equilibrio raggiunto dei muscoli agonisti ed antagonisti che stabilizzano l’articolazione sacro-iliaca e la testa del femore all’interno della cavità glenoidea dell’anca.

Lo stravolgimento biomeccanico del Diaframma è utile per riorganizzare la dinamica respiratoria corretta in quei casi in cui ci siano degli atteggiamenti respiratori viziati e radicati da moltissimo tempo (respiro paradosso, apnee notturne, rigidità diaframmatica, problemi gastro-intestinali, dispnee ecc.).

 

nuova edizione 2019-2020

Scuola in posturologia

Tua, Completa e di Qualità

ISCRIZIONI APERTE

DA SETTEMBRE 2019

Corsi di Formazione in Programma

Clicca su ciascun Corso per vedere Date, Città e posti disponibili.

RESTIAMO IN CONTATTO

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere Info sui contenuti, Novità sugli eventi e Sconti sui Corsi di Formazione!

Trattamento dei dati Personali

Perfetto! Sei Iscritto alla Newsletter, da questo ti terremo aggiornato su tutte le novità!